Corso CW

Comunicazione di fine corso CW

Cari Soci, siamo giunti alla fine delle nostre “riunioni” di telegrafia, qualcuno doveva solo darle una “rinfrescatina”, molti hanno iniziato da zero… desidero ringraziarvi soprattutto perchè avete avuto la voglia di mettervi in gioco con questa Nobile Arte.

Per me è stata un’esperienza davvero interessante, ho avuto perfino la soddisfazione di fare QSO in radio con voi e con qualcuno ci siamo avventurati oltre i 25WPM! Cosa dire, non potrei essere più contento.

A risentirci quindi in telegrafia al più presto, vi auguro tante soddisfazioni e buoni DX!

IZ0RQF Roberto

 

11 risposte a Corso CW

  1. ik0zme scrive:

    io ci sarò e non vedo l’ora che inizia il corso, spero che anche altri colleghi radioamatori non si facciano sfuggire una opportunità così …. ghiotta !!
    Dai Robertino, sei il meglio

  2. iz0iiy scrive:

    Anche io sono prenotato!

  3. iw0hpg scrive:

    parteciperò anch’ io e intanto complimenti per l’iniziativa

  4. iz0pxc scrive:

    ciao roby,veniamo in due:io e mio figlio mario.

  5. iz0rqf scrive:

    Presto, dobbiamo definire solo la sede… intanto le iscrizioni sono aperte!

  6. iz0iiy scrive:

    Abbiamo trovato la sede idonea per ospitare gli aspiranti telegrafisti, si trova a Sora in via Agnone Maggiore (dietro la chiesetta di San Luigi Gonzaga), messa a disposizione dal nostro socio Adriano Mammone.
    Il corso inzierà a gennaio dopo l’Epifania e si terrà tutti i venerdì sera alle ore 21,00.
    Se per qualcuno ha problemi a frequentare il corso di venerdì ci faccia sapere così troveremo un’alternativa valida per tutti.
    Non vi resta che “scaldare i tasti” per essere tutti pronti a questa nuova esperienza accompagnati dal nostro caro e paziente Roberto iz0rqf.

  7. iz0ien scrive:

    Salve ragazzi,
    prima di venerdi volevo semplicemente lasciare un mio commento per tutti i partecipanti al corso, una serie di note che ho raccolto e che ho riassunto nel mio percorso dell’apprendimento del codice Morse.
    Spero che vi siano utili e propedeutiche per capire cosa significa fare un corso di telegrafia, ma soprattutto che vi preparino a cosa affronteremo nel corso.
    Buona lettura.

    1) Ricordate che ci sono due ragioni principali per noi radioamatori nell’imparare il codice Morse. La prima è quella di utilizzarlo concretamente “on air”, mentre la seconda è (era) quella di superare le prove di licenza. La seconda ragione è scomparsa in Italia e in molti altri paesi.

    E’ importante capire qual’è in realtà il vostro vero obiettivo, visto che l’esame non esiste più: diventare un radiooperatore che è specializzato in codice Morse. Ciò significa l’apprendimento di una serie di competenze, non solo una o due competenze che erano necessarie per passare un esame una sola volta nella vita.

    Queste competenze non possono essere apprese leggendo un libro, guardando un video, usando altri modi operativi, o partecipando a forum online. Anche se queste cose possono aiutare, non sono il “core” delle skill necessarie all’apprendimento del morse. Il set di competenze necessarie può essere ottenuto solo attraverso la pratica, e ci vuole tempo, tanta pratica, e un coinvolgimento attivo da parte vostra. Le competenze non si apprendono passivamente.

    2) Creare un luogo tranquillo a casa dove studiare il codice Morse. Questo non vuol dire che sarà l’unico posto dove studiare il codice, solo che sarà ottimizzato per impararlo. Una scrivania o un tavolo buono e solido senza distrazioni, un sacco di spazio per scrivere, buona illuminazione, e una sedia buona. Fonte/i del codice (computer, ricevitore HF, nastri, CD, ecc), tasto e l’oscillatore (o rtx in modalità bkin off). Le cuffie sono una buona idea.

    Vi consiglio di iniziare con un tasto verticale, si può decidere anche di partire direttamente con un paddle e un keyer. Indipendentemente dal tasto che si decide di utilizzare, deve avere una buona base solida e pesante, e deve essere regolato correttamente.

    3) Evitare foglietti e grafici stampati con i punti e le linee . Spesso questi sistemi erano stati progettati per aiutare una persona a imparare il codice lo stretto necessario per passare l’esame da 40 caratteri al minuto (8 wpm), ma porta a cattive abitudini per l’utilizzo reale e pratico. Il codice Morse è un insieme di suoni, non una stampa di segni grafici o piccole frasi. Voi imparereste l’inglese ascoltando una parola da una persona, scrivendola e poi traducendola ? No! Si ascolta “hello” e si pensa a ciao. Altrimenti si cominciano a perdere parole e non si segue più il discorso.
    Imparare a ricevere consiste in nient’altro che imparare ad associare un determinato ritmo/suono con una determinata lettera o un numero. Ci sono circa 41 di loro di imparare. Se si riesce ad imparare a riconoscere 41 parole in una lingua straniera, si può quasi certamente imparare il codice Morse.

    4) Dedicare almeno mezz’ora ogni giorno per la pratica del codice. Può essere una coppia di sessioni da dieci, o quindici minuti, ma dovrebbero raggiungere almeno una mezz’ora ogni giorno. Ciò significa *ogni giorno*, non solo i fine settimana, feste, ecc Se si può fare più di una mezz’ora qualche giorno, meglio! E più sessioni in un giorno non danno una scusa per non farla il giorno successivo.

    Sì, si può perdere un giorno qua e là, perché abbiamo una vita “normale” da portare avanti. Ma il trucco è quello di tenere gli eventuali giorni di assenza al minimo assoluto.

    5) Se è possibile farsi aiutare da un amico per imparare il codice, o trovare un corso come il nostro, fatelo! Ma non utilizzare il giorno del corso o la presenza del compagno come una scusa per perdere la pratica giornaliera e fare allenamento solo in quella occasione o rallentare il vostro apprendimento. L’amico e/o il corso sono un supplemento al vostro studio, non il centro di esso.

    6) Cercate siti web che parlano di telegrafia (telegrafia.it ad esempio), articoli, ecc e leggete gli argomenti discussi. Ma ricordate sempre che non sono un sostituto per la pratica.

    7) Pratica della ricezione ogni giorno. La maggior parte del tempo di pratica dovrebbe essere speso nella ricezione, ma ricezione e trasmissione si aiutano a vicenda. Praticate la ricezione scrivendo e copiando i caratteri ricevuti “a mente”. A volte una matita e un block notes sono indispensabili, a volte si riesce a copiare solo a mente. E’ una questione strettamente individuale.

    8) Una combinazione del metodo Koch e la spaziatura Farnsworth è probabilmente la cosa ottimale per la maggior parte delle persone. Informatevi su questi metodi, capiteli ed usateli poichè saranno usati nel corso – ma ricordatevi che sono strumenti, non magia. Possono rendere l’apprendimento più facile, ma non automatico.
    Descrivo brevemente i due metodi:

    Metodo Koch prevede l’avvio con solo due lettere / numeri e si pratica la loro ricezione fino ad arrivare a circa il 90-95% di copia corretta. Poi si aggiunge un altro carattere, e si praticano i tre fino ad arrivare al 90-95% di copia corretta, poi si aggiunge un quarto, e cosi via.

    Spaziatura Farnsworth: è un codice inviato “veloce” con lo spazio esagerato tra le lettere / numeri in modo da avere il tempo di reagire ma non di contare punti e linee.

    9) Non avere intorno NULLA che distragga la capacità di concentrazione e di apprendimento. Tranne i farmaci obbligatori, ovviamente 🙂 . La birra o le sigarette non fanno eccezione, tutto proibito. Bisogna essere riposati e non avere preoccupazioni incombenti (lavoro, famiglia…).

    10) Staccare il microfono dalla radio, non trasmettere in SSB. Oltre ai programmi generatori automatici di codice Morse, cercate di ascoltare veri radioamatori. Cercare di copiare quello che trasmettono. Ascoltate codice Morse in sottofondo mentre si fanno altre cose (ma non contatelo come tempo di pratica). Battete sul cambio della macchina in morse i cartelli stradali che incontrate (grazie Tony BAV per il suggerimento anni fa….)

    Quando si arriva al punto in cui è possibile inviare e ricevere il codice, anche lentamente, respirate forte e andate on air, iniziate a fare QSO. Partecipate anche solo ascoltando in contests CW, andate in pesca di stazioni DX, eccetera. Ricordate che state imparando codice Morse per usarlo in radio, non per superare un esame.

    11) Se la vostra radio HF non ha un filtro stretto (400-500 Hz), cercate di installarlo. Leggete il manuale su come utilizzare al meglio la vostra radio in CW, spesso le impostazioni predefinite sono ottimizzate per la SSB.

    12) Non mollate. Ci possono essere momenti in cui sembra che non si stanno facendo progressi, e momenti in cui si fanno rapidi progressi. Momenti nel quale ascolterete stazioni andare come un treno e non capirete mezza lettera. Ciò che conta è continuare a praticare ogni giorno. Nessuno è nato imparato. I più bravi operatori CW che si ascoltano oggi una volta erano principianti che inciampavano, l’unica differenza è che non si sono fermati e hanno insistito. Certo, alcune persone riescono ad imparare il codice più velocemente di altri, ma non vi è alcuna capacità magica o extrasensoriale legata a questa cosa. Se si può imparare a parlare , leggere e scrivere una lingua, il codice morse è semplice al confronto.

    Ci vorrà un pò d’impegno. Sicuro. Ma quest’impegno è ben poca cosa in confronto alla soddisfazione e ai QSO che potrete fare una volta imparato il minimo indispensabile di codice morse.
    Per raggiungere un obiettivo bisogna essere disposti a fare ciò che è necessario. Come nella vita così anche per la telegrafia.

    GL es vy 73,
    Cristiano IZ0IEN

Lascia un commento